occhi-proteggiamoli

Occhi: Proteggiamoli

Oggi più che mai, soprattutto in tempi di distanziamento sociale, strumenti come PC, smartphone oppure tablet, sono diventati apparecchi indispensabili per lavorare, comunicare, mantenere i contatti. Li usiamo praticamente ovunque e in qualsiasi momento, per tempi prolungati. Ma l’uso smodato di apparecchi video può provocare disturbi ai nostri occhi, a volte delle vere e proprie patologie.

Oftalmologia

Diversi studi recenti evidenziano che più del 90% degli utilizzatori di PC lamenta disturbi quali occhi stanchi, visione doppia e/o sfocata, bruciore, lacrimazione o secchezza oculare.

La frequenza di queste sintomatologie è talmente aumentata tanto che, negli U.S.A., “l’American Optometric Association” l’ha definita “Computer Vison Syndrome (CVS)”. La Sindrome da Visione al Computer è determinata dalla sovrapposizione di problematiche oculari, visive e posturali. Quindi una condizione composita che tende a manifestarsi nelle persone che hanno abilità visive inadeguate a sostenere l’impegno legato all’uso del PC o del cellulare.

Vista delicata

Bruciore, irritazione, secchezza sono disturbi oculari legati alla più o meno intensa lacrimazione, cioè problemi di tipo interno. Mentre affaticamento oculare, mal di testa, dolore oculare, visione doppia, sfocamento, sono tutti problemi legati ad una inadeguata risposta dell’occhio ad un intenso sforzo visivo. L’accomodazione è quel processo naturale integrato nei nostri occhi che fa sì che, all’insorgere di un difetto visivo, l’occhio lo corregga automaticamente, permettendoci di continuare a vedere in modo ottimale. 

Un problema visivo non corretto aumenta l’incidenza dei sintomi legati alla CVS. L’ipermetropia o la miopia inducono uno sfocamento dell’immagine a livello della retina. Devono necessariamente essere compensate al fine di ridurre lo stimolo accomodativo e lo sfocamento dell’immagine. Occorre inoltre prestare attenzione all’astigmatismo, che aumenta in modo significativo la sintomatologia durante l’uso del PC. La visione sfocata da vicino o da lontano, dopo l’utilizzo prolungato del computer è causata da una non sufficiente risposta ccomodativa dell’occhio durante l’uso del PC. Oppure da un insufficiente rilassamento accomodativo oculare nel momento in cui il soggetto allontana allontana lo sguardo dallo schermo.

Fonte: L.B. ABCedizioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Powered by WhatsApp Chat

× Scrivici