inquinamento-pelle

Inquinamento e Danni alla Pelle

L’inquinamento ambientale costituisce un rischio ormai accertato per la salute dell’uomo, e interessa soprattutto le metropoli, dove rappresenta una grave preoccupazione a causa dei danni provocati, che non interessano solamente i polmoni e il sistema cardiocircolatorio, ma anche a livello cutaneo.

Questi danni sono caratterizzati dall’impatto negativo sull’integrità cutanea e dell’accelerazione del suo processo d’invecchiamento. Da diversi studi è emerso che le manifestazioni cutanee possono comparire anche in conseguenza di bassi livelli di fattori inquinanti, ma amplificate dall’esposizione ai raggi ultravioletti.

Inoltre, risulta confermato dai dati, l’effetto nocivo dell’inquinamento sulla pelle, soprattutto in presenza di patologie legate all’alterazione della funzione barriera, come la dermatite atopica, le dermatiti da contatto, la cute sensibile e reattiva, ma anche per patologie come l’orticaria, l’acne o nei disordini della pigmentazione.

Ogni inquinante ha particolari effetti sulla salute e sull’ambiente esterno. L’apparato respiratorio è il principale bersaglio dell’inquinamento atmosferico. Sia a livello delle alte vie aeree come naso, faringe e laringe, ma anche a livello delle basse vie aeree quindi trachea e bronchi.

La cute è il secondo organo attraverso cui le sostanze chimiche possono penetrare nel corpo ed è principale obbiettivo degli inquinanti liquidi e gassosi. Ciò per il fatto la nostra pelle rappresenta l’interfaccia tra il corpo e l’ambiente esterno ed è la più esposta ai raggi ultravioletti, al fumo, all’ozono e ai particolati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Powered by WhatsApp Chat

× Scrivici